Finestre passive, quali sono cosa?

In un’era di frenetica crescita dei prezzi dell’energia, sempre più enfasi viene posta sull’ottimizzazione dei costi della vita e degli alloggi. Vi è quindi un crescente interesse per la categoria delle case passive, nonché per finestre adeguate e adatte a questo tipo di investimento.

Sommario:

Cosa sono le case passive?

All’inizio, è necessario spiegare cosa sono le case passive ?

In poche parole, una casa passiva è un’abitazione unifamiliare, che consente un notevole risparmio nell’uso dell’edificio. L’autore di questo concetto è il fondatore del Passive House Institute di Darmstadt, il Dr. Wolfgang Feist. Nel 1988 ha definito il suo progetto come segue:

Una casa passiva è un edificio a bassissimo fabbisogno energetico per il riscaldamento interno [15kWh/(m 2 /anno)], in cui il comfort termico è fornito da fonti di calore passive (residenti, elettrodomestici, calore “solare”, calore recuperato dalla ventilazione ) e riscaldamento supplementare dell’aria di ventilazione dell’edificio. In modo che non necessiti di un sistema di riscaldamento autonomo e attivo.

Il termine passivo deriva dalla mancanza di fonti di energia attive necessarie per riscaldare aria e acqua, come forni, caldaie o riscaldamento centralizzato.

L’idea principale di una casa passiva è quindi quella di generare una domanda di energia molte volte inferiore rispetto agli edifici standard. Inoltre, l’edilizia passiva è progettata per utilizzare la massima quantità di energia naturale, ad esempio solare.

L’attuazione di un tale investimento è in pratica una vera sfida. Dovrebbero essere presi in considerazione molti fattori diversi, che nella costruzione tradizionale non sono così importanti o non rappresentano affatto un problema. Oltre a soddisfare i severi requisiti per il fabbisogno energetico, un tale edificio deve ovviamente essere anche funzionale, estetico e integrarsi con l’ambiente architettonico.

La forma del blocco è più chiara dalle finestre per un fienile moderno

Quali finestre per una casa passiva?

Come risulta dalla suddetta definizione di casa passiva, essa deve essere perfettamente isolata termicamente. Dovrebbe essere quasi completamente sigillato, e quindi il calore generato all’interno dovrebbe fuoriuscire il meno possibile. Pertanto, la sfida chiave è scegliere la giusta falegnameria per finestre che non abbassi i parametri di isolamento termico dell’edificio.

Una condizione necessaria per le finestre passive è un coefficiente di scambio termico estremamente basso, indicato come U w . È un parametro che ci dice quanto calore si perde attraverso la finestra quando la differenza tra la temperatura dell’aria esterna e quella dell’ambiente è 1 K. Il coefficiente di scambio termico è espresso in W/m 2 K.

Per poter parlare di finestra passiva nella nostra area geografica, deve avere un coefficiente di scambio termico inferiore a 0,8 W / m 2 K. Per ottenere un tale risultato, dovrebbe essere una struttura speciale che soddisfi una serie di requisiti e criteri.

Innanzitutto le finestre passive devono essere dotate di vetrocamera con triplo vetro con rivestimento basso emissivo. La trasmittanza termica di tale vetro non deve superare 0,7 W / m 2 K.

Il profilo passivo del serramento deve inoltre essere caratterizzato da una bassa trasmittanza termica. In questo caso, il coefficiente non può superare 0,9 W / m 2 K. Tuttavia, il telaio tra le lastre deve essere realizzato in acciaio inossidabile o plastica.

Affinché il produttore possa legittimamente chiamare “passive” le sue finestre, è necessario ottenere un certificato appropriato. Sono pubblicati da organizzazioni rinomate, come il Passive House Institute di Darmstadt e il Window Technology Institute di Rosenheim.

Quando scegliere le finestre passive?

A causa dei requisiti strutturali, la costruzione di una casa passiva è molto più costosa della costruzione tradizionale. D’altra parte, l’investimento iniziale si ripagherà nel corso degli anni sotto forma di costi operativi notevolmente inferiori.

Pertanto, quando si decide di costruire da zero una casa passiva, un’esigenza naturale è anche l’acquisto e l’installazione di serramenti passivi. Ma cosa succede se abbiamo già una casa progettata in modo tradizionale e stiamo pensando di acquistare questo tipo di falegnameria per finestre?

Non sono solo gli infissi delle finestre a essere responsabili della passività della casa. Devono essere soddisfatti anche una serie di altri criteri di progettazione: se la nostra casa non è passiva, classica, ma comunque moderna, finestre calde e a risparmio energetico in PVC o alluminio saranno un’alternativa molto migliore.

Le migliori finestre non passive presenti sul mercato offrono parametri non molto peggiori di quelli delle finestre passive certificate. Pertanto, garantiranno un adeguato risparmio di calore e un isolamento termico adeguato per la costruzione standard. Un esempio possono essere le finestre MSline + PVC a risparmio energetico o le finestre in alluminio Premium 86 della MS offrono più di WINDOWS . Entrambi i modelli offrono risultati impressionanti in termini di isolamento termico, essendo un’opzione più conveniente e di installazione per finestre passive che soddisfano i severi criteri.

1. Trova lo showroom più vicino

La catena di rivenditori autorizzati MS è pronta a servire i clienti.

2. Contatta la fabbrica MS (telefono / e-mail)

I nostri specialisti risponderanno alle vostre domande, prepareranno un'offerta e consentiranno di prenotare finestre per una data specifica.

3. Valutazione in linea di finestre MS

Una semplice applicazione che ti permetterà di conoscere tu stesso i prezzi di MS Windows